Ciao a tutti.

Adesso piove che è un piacere (si fa per dire) ma stamattina sono riuscito a farmi due passi per fare qualche scatto “pasquale”. Nella solita siepe di lillà che mi dà tante soddisfazioni ho trovato un bel movimento. Oltre a ben 4 podaliri, attivissimi e perfidamente posizionati sui rami alti, ho trovato un insettino che mai avrei pensato di riuscire a fotografare…

Avete presente quegli strani insetti, noti anche come farfalle colibrì che svolazzano a velocità supersonica sui fuori? Quelle si chiamano macroglosse (macroglussum stellatarum) e io ho trovato una loro parente strettissima, molto più colorata ma altrettanto veloce: trattasi della simpatica  Hemaris fuciformis.

hemaris fuciformis

Un po’ di cultura…

La Hemaris fuciformis è una falena della famiglia Sfingidi, composta, a differenza di questa specie, da farfalle principalmente ad abitudini notturne. Le Sfingi sono caratterizzate dal corpo tozzo e dalle ali strette e robuste che permettono loro di essere grandi volatrici, capaci di raggiungere anche notevoli velocità; si nutrono librandosi in volo sui fiori senza posarsi, come colibrì. Alcune specie di Sfingidi sono migratrici e, nelle stagioni più aride, si spostano dalle regioni calde verso nord (specialmente dal Nord Africa verso l’Europa).

La  H. fuciformis vive preferibilmente in radure boschive, dove si sposta a grande velocità in ricerca di nettare durante le ore più assolate del giorno. A causa del forte battito delle ali, potrebbe essere scambiata per un grosso imenottero. Ha due generazioni in maggio-luglio ed in agosto, di cui la seconda più scarsa.

Tra le piante nutrici della larva vi sono Galium, Lonicera e Knautia. La specie è purtroppo in costante declino negli ultimi decenni.  (fonte: http://insetti.altervista.org/macro/fuciformis.htm)

Dopo una decina di scatti (anche una ventina!) totalmente fuori fuoco ho cominciato a pormi una domanda fondamentale: come faccio a posizionarmi, comporre, mettere a fuoco e scattare in pochi decimi di secondo? Questa falena (perché è una falena anche se non sembra!) mi darà mai 1 intero secondo per scattare?

A mali estremi, estremi rimedi… mi sono ricordato di un paio di consigli ricevuti in tutt’altra occasione da un amico fotografo e ho cercato di adattarmi alla situazione:

  1. ho posizionato il cavalletto in modo stabile e ad un’altezza ipoteticamente corretta;
  2. ho messo a fuoco su un fiore che ancora non era stato visitato, cercando di immaginarmi quando e come questa velocissima falena sarebbe passata di lì
  3. ho alzato gli iso e ho impostato la modalità Tv della mia Canon per avere pieno controllo dei tempi sacrificando la profondità di campo (ISO 400/800 e tempi da 1/640 a 1/1600 di secondo)
  4. ho impostato la modalità a scatto continuo veloce (6.3 fps) e ho sperato che passasse di lì!

Da un mare di scatti con delle ombre oppure con solo mezzo insetto ne ho ricavati 6 che tutto sommato non sono malaccio… che ve ne pare?

hemaris fuciformis

hemaris fuciformis

Speriamo che il tempo si rimetta!! Nel frattempo vi auguro una Felice Pasquetta e una buona settimana! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*