La fotografia di nudo vista come l’abbraccio ideale tra la delicata bellezza del corpo femminile e l’ambiente circostante, dolce o duro, sinuoso o spigoloso.

Symbiosis nasce dalla scoperta di un luogo magico, un bosco con al suo interno le rovine di un antico castello. La natura ormai si è impadronita delle rocce ed è diventata parte delle costruzioni ormai decadenti. 

Allo stesso modo la mia musa e modella Silvia si è fusa emotivamente con il paesaggio circostante, divenendo essa stessa parte della sua naturale poetica.

 

Perché il nudo?

Sarebbe facile pensare che sia un pretesto banale per far spogliare una bella ragazza.

Ma chi crede in un progetto, cerca di realizzarlo nella maniera in cui va fatto ed è stato pensato. La nudità in questo caso è sinonimo di purezza, di libertà, di fusione. La natura non indossa vestiti e si mostra a noi così come è. Le rocce, le foglie, gli alberi,… sono tutti elementi nudi, che ci trasmettono qualcosa solo e soltanto grazie a quello che evocano nelle nostre menti.

 

Il progetto è concluso?

Ritengo di aver fatto un certo numero di scatti e sono piuttosto soddisfatto. Ma come ogni progetto, non si può dire finito fin quando l’ultima idea non ha avuto il suo sfogo!

Dunque, se ti piace questa mia visione e vuoi anche solamente parlarne senza nessun impegno, contattami su Facebook o Instagram: @koolmindphotography.